EurActive.it

Home > News > Barcellona vuole l'Agenzia del Farmaco

di euroefe.es | Traduzione di Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Barcellona vuole l'Agenzia del Farmaco

24/04/2017 13:54

Il sindaco della città ed il ministro della Salute spagnolo hanno deciso di collaborare per portare l'Agenzia europea del Farmaco (Ema) nella capitale catalana

Durante una riunione di venerdì scorso, il sindaco di Barcellona, Ada Colau, il ministro della Sanità, Dolors Montserrat, ed il consigliere alla Salute catalana, Antoni Comín, si sono dimostrati favorevoli affinchè la città faccia richiesta per diventare sede dell'Ema, individuando nella Agbar Tower la struttura ideale per ospitare l'agenzia.

I tre rappresentanti governativi hanno trovato un accordo con il proprietario del grattacielo di 38 piani, che è stato scelto per conferire "un valore aggiunto all'offerta di Barcellona".

Il piano afferma che la torre è in grado di soddisfare tutti i requisiti tecnici necessari per ospitare l'Ema, e che i 900 impiegati che si dovranno traferire dall'attuale sede di Londra potrebbero essere facilmente ospitati dall'edificio.

La Merlin Properties, attuale proprietaria della Agbar Tower, ha acquisito il grattacielo per 142 milioni di euro all'inizio di quest'anno.

Il primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, ha già dato il proprio assenso al piano della città, e tutte le parti in causa si stanno impegnando a collaborare per aumentare le possibilità che Barcellona venga scelta.

La riunione di venerdì ha portato anche alla creazione di un Consiglio di sostegno dei cittadini, che sarà incaricato di garantire ed aumentare il supporto per la candidatura della città.

La decisione del Regno Unito di abbandonare l'Ue implica che le agenzie ufficiali europee situate sull'altro sul versante inglese della manica dovranno essere trasferite sul territorio di un Paese membro.

La Commissione europea ha confermato la scorsa settimana che l'Ema e l'Autorità Bancaria Europea (Eba) dovranno lasciare il Regno Unito una volta terminato il periodo biennale di negoziati. Bruxelles ha inoltre insistito sul fatto che la posizione delle agenzie non sarà oggetto di discussione con la Gran Bretagna.

Diverse città europee hanno già annunciato la loro intenzione di candidarsi per ospitare le due agenzie. L'ultima in ordine di tempo a presentare domanda è stata Amsterdam, con il primo ministro olandese, Mark Rutte, che la scorsa settimana ha inviato una proposta ufficiale al Consiglio europeo per accogliere l'Ema nei Paesi Bassi.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154