EurActive.it

Home > News > Commissione Ue prepara ulteriori restrizioni all'uso di neonicotinoidi

di Sarantis Michalopoulos | EURACTIV.com | Traduzione di Miryam Magro

Facebook Twitter Linkedin
Commissione Ue prepara ulteriori restrizioni all'uso di neonicotinoidi

20/09/2017 17:22

LBruxelles vuole proporre nuove norme contro l'utilizzo di pesticidi neonicotinoidi, nella continua lotta fra produttori di sostanze chimiche per l'agricoltura e ambientalisti.

Le ONG a tutela dell'ambiente hanno attaccato l'azienda agrochimica Syngenta, affermando che il modello agricolo che promuove è "insostenibile" e va contro le leggi dell'UE. I neonicotinoidi o neonici sono un gruppo di pesticidi. In uso dagli anni '90, sono i più utilizzati in molte colture alimentari e di mangimi, ma i critici lamentano impatti negativi che queste sostante hanno sulle api e sugli impollinatori in generale.

Anca Paduraru, portavoce della Commissione europea sulle questioni in materia di salute e sicurezza alimentare, ha dichiarato che la protezione delle api è stata una questione importante per l'esecutivo in quanto riguarda la biodiversità e l'ambiente. "Questo è il motivo è stata discussa la questione il 29 marzo, giungendo alla conclusione di continuare a proteggere le api", ha aggiunto Paduraru, rivelando che "la Commissione intende presentare una proposta che limita ulteriormente l'uso dei neonicotinoidi".

L'esecutivo dell'UE sta attualmente esaminando, sulla base delle valutazioni dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare, le restrizioni all'uso di 3 neonicotinoidi (Imidacloprid, Clothianidin e Thiametoxam). Le attuali norme sono entrate in vigore dal 2013, dopo che le sostanze sono state riconosciute come tossiche per le api e altri impollinatori.

L'EFSA sta vanalizzando i nuovi dati raccolti su questi tre neonicotinoidi per introdurre eventualmente nuove restrizioni. Il termine per la valutazione è stato rinviato al 30 novembre 2017 a causa della quantità di numeri da valutare e della complessità della richiesta.

Il Guardian ha riferito all'inizio di quest'anno che l'esecutivo dell'UE starebbe prendendo in considerazione un divieto di utilizzo totale, ma per EURACTIV, almeno in questa fase, la Commissione sembrerebbe più disposta a proporre norme più rigide sull'utilizzo di neonici rispetto ad un bando totale.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154