EurActive.it

Home > News > Consiglio Ue: 23 città candidate per ospitare Ema e Eba

di Mf-DowJones News

Facebook Twitter Linkedin
Consiglio Ue: 23 città candidate per ospitare Ema e Eba

01/08/2017 12:23

Bruxelles ha reso noti i nomi delle città che hanno presentato la propria candidatura per ottenere l'assegnazione delle due agenzie Ue di Londra. Le domande saranno valutate in base ai sei criteri stabiliti dai 27 Stati membri

Il Consiglio dell'Unione europea ha ricevuto 27 proposte da parte degli Stati membri, relative a 23 cittá, per ospitare le agenzie Ue che hanno attualmente sede nel Regno Unito. Sono state presentate 19 offerte per ospitare l'Agenzia europea dei medicinali (Ema) e 8 per l'Autoritá bancaria europea (Eba).

Le due agenzie dovranno essere trasferite a causa del ritiro del Regno Unito dall'Ue e le posizioni future devono essere decise con comune accordo degli altri 27 Stati membri. La Commissione pubblicherá entro il 30 settembre 2017 una valutazione delle offerte basata sui criteri concordati tra i 27.

Ad ottobre, i ministri avranno una discussione politica basata sulla valutazione della Commissione e la decisione sará adottata ai margini del Consiglio Affari generali di novembre 2017 con un voto dei 27 ministri. Tutte le offerte saranno sottoposte al voto a meno che non siano state ritirate dai Paesi interessati. La votazione sará composta da successivi turni di votazione, se necessario, con voto segreto.

L'Ema è responsabile della valutazione scientifica, della sorveglianza e della sorveglianza della sicurezza dei medicinali nell'Ue. Si sono offerte di ospitarla: Amsterdam, Atene, Barcellona, Bonn, Bratislava, Bruxelles, Bucarest, Copenhagen, Dublino, Helsinki, Lille, Milano, Porto, Sofia, Stoccolma, Malta, Vienna, Varsavia e Zagabria.

L'Eba lavora per garantire una regolamentazione e una vigilanza prudenziale efficace e coerente in tutto il settore bancario europeo. Tra gli altri compiti, valuta i rischi e le vulnerabilitá nel settore bancario dell'UE attraverso regolari rapporti di valutazione del rischio e stress test. Le cittá candidate ad ospitare la nuova sede sono Bruxelles, Dublino, Francoforte, Parigi, Praga, Lussemburgo, Vienna e Varsavia.

Le domande saranno valutate sulla base di sei criteri concordati dai 27 Stati membri: la garanzia che l'agenzia potrá essere operativa quando il Regno Unito lascerá l'Ue, l'accessibilitá dell'ubicazione, le scuole per i figli dei dipendenti, l'accesso al mercato del lavoro e l'assistenza sanitaria per le famiglie dei lavoratori, la business continuity e la diffusione geografica delle agenzie sul territorio dell'Ue.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2019 Partita IVA 08931350154