EurActive.it

Home > News > Era denuncia impatto Brexit su settore aeromotive europeo

di Maria Teresa Tacchi

Facebook Twitter Linkedin
Era denuncia impatto Brexit su settore aeromotive europeo

28/02/2018 17:02

Tra i numerosi settori colpiti dalla Brexit, l’aerospace non è da sottovalutare: sono preoccupati i toni dell’European Regions Airline Association, che evidenzia come l’uscita del Regno Unito dall’Ue avrà un impatto non indifferente non solo su numerose compagnie aeree, ma anche su diversi operatori del segmento e, più in generale, sulle economie e sui cittadini degli Stati membri.

L'impatto della Brexit sulle compagnie aeree europee non è da sottovalutare, sia per quanto riguarda i vettori colpiti direttamente nelle loro operazioni transfrontaliere (che equivalgono al 46% del totale), sia per le compagnie che gestiscono il traffico regionale, ma subirebbero comunque un pesante calo della domanda se l'accesso al mercato britannico venisse chiuso ai vettori comunitari.

A mettere in luce la situazione è la European Regions Airline Association (Era), che sottolinea come la Brexit sia "in diretto conflitto" con la EU Aviation Strategy, che prevede il libero movimento di beni, persone, servizi e capitale attraverso i confini degli Stati membri, le cui compagnie aeree condividono prezzi, capacitá, mercato e codici.

Oltre ai vettori, a subire l'impatto dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea sarebbero anche gli operatori di servizi merci, charter e Acmi (fornitori di aerei, equipaggio, manutenzione e assicurazione), che hanno sede sia nel Paese uscente, sia negli altri Stati membri.

Era continuerá ad impegnarsi, per conto dei vettori che ne fanno parte, in attivitá di lobbying con le autoritá governative del Regno Unito e dell'Ue, perchè tutte le implicazioni che la Brexit avrá sull'industria e sul mercato dell'aeromotive vengano prese in opportuna considerazione, anche per quanto riguarda l'impatto, piú ampio, sull'economia europea e sui cittadini in generale. A dichiararlo è il direttore generale di Era, Montserrat Barriga, che considera l'integritá del settore una questione fondamentale, indipendentemente dalle scelte e dalle strategie politiche dei governi.

Barriga ha, inoltre, sottolineato come un approccio generalizzato ("one size fits all") al problema sia impraticabile, vista la diversitá degli attori coinvolti, e come sia invece necessario sviluppare un quadro di azione specifico per la peculiare struttura della rete europea del settore aeromotive.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2018 Partita IVA 08931350154