EurActive.it

di MF Dow-Jones News

Facebook Twitter Linkedin
Facebook: multa da 110 mln euro da Ue per merger WhatsApp

18/05/2017 09:49

Il colosso dei social è stato sanzionato per aver dato informazioni scorrette e ingannevoli agli acquirenti che stavano indagando sull'acquisizione di WhatsApp nel 2004.

L'Antitrust Ue ha multato Facebook per 110 milioni di euro (122 milioni di dollari) per aver dato informazioni "scorrette e ingannevoli" agli inquirenti che stavano indagano sull'acquisizione di WhatsApp del 2014 da 19 miliardi di euro.

La sanzione poteva essere ancora piú salata, visto che si parlava di una cifra fino all'1% dei ricavi mondiali del gruppo, cioè 276 milioni di dollari. Servirá, in ogni caso, come monito per le altre compagnie che stanno sottoponendo i loro piani di fusione al vaglio delle autoritá europee.

Nella sua notifica della transazione nell'agosto del 2014, e in risposta ad una richiesta di informazioni, Facebook aveva indicato alla Commissione che non sarebbe stata in grado di stabilire un matching automatico immediato tra gli account delle due categorie di utenti. Cosa che, invece, ha iniziato a fare due anni dopo. Tanto che, a dicembre dello scorso anno, la Commissione ha comunicato al gruppo di Mark Zuckerberg le sue preoccupazioni, avendo constatato che la possibilitá di mettere in corrispondenza le identitá degli utilizzatori delle due piattaforme esisteva giá dal 2014 e che chi lavorava in Facebook ne era a conoscenza.

La decisione di oggi non incide sul via libera all'operazione di acquisizione, che la Commissione aveva dato nell'ottobre 2014. Come spiegato dalla commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, l'obiettivo è "mandare un segnale forte alle imprese, mostrando che devono rispettare tutte gli aspetti del regolamento Ue sulle concentrazioni, compreso l'obbligo di fornire informazioni esatte". L'obbligo si applica indipendentemente dal fatto che le informazioni abbiano un impatto sul risultato finale della valutazione.

La decisione di oggi, spiega l'Ue, "non è legata a procedure antitrust nazionali in corso, nè a problemi di rispetto della privacy e della protezione dei dati". Problemi che, secondo la Commissione, potrebbero emergere in occasione dell'aggiornamento, ad agosto, delle condizioni generali di utilizzo e della politica di confidenzialitá di Whatsapp.

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154