EurActive.it

Home > News > Facebook si muove contro i terroristi

di EURACTIV.com e Reuters | Traduzione di Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Facebook si muove contro i terroristi

05/06/2017 15:19

Il social network di Mark Zuckerberg ha ribadito l'impegno concreto per rendere la propria piattaforma web un “ambiente ostile” ai terroristi

Dopo l'attentato di sabato scorso a Londra, il primo ministro britannico, Theresa May, ha denunciato il bisogno rivedere le strategie utilizzate per combattere il terrorismo.

Per il premier urge una maggiore regolamentazione del settore internet, con particolare attenzione ai social network. Questi, a suo dire, sarebbero in parte responsabili di concedere spazio e visibilità alle ideologie estremiste, permettendone la diffusione.

Ieri Facebook ha condannato gli attacchi di Londra attraverso un comunicato. "Vogliamo che Facebook sia un ambiente ostile per i terroristi", ha affermato Simon Milner, direttore del settore policy del social network.

"Ogni qual volta veniamo a conoscenza della presenza di contenuti a carattere terroristico sulla nostra piattaforma  lavoriamo in maniera aggressiva per rimuoverli. E se ci accorgiamo di qualche situazione potenzialmente pericolosa per la sicurezza pubblica avvisiamo subito le forze dell'ordine", ha aggiunto Milner.

Theresa May ha più volte intimato alle imprese internet ad assumersi maggiori responsabilità per i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme. Sul punto, tra l'altro, il partito conservatore in caso di vittoria delle elezioni si è impegnato ad introdurre una lagge che imponga alle aziende digital di pagare i costi del monitoraggio della rete web.

Oltre a Facebook anche Twitter ha dichiarato di essere a lavoro per affrontare la diffusione della propaganda estremista sul proprio social. "I contenuti terroristici non hanno posto su Twitter", ha affermato Nick Pickles, responsabile delle politiche pubbliche UK del social di San Francisco, rendendo noto che nella seconda metà del 2016 sono stati sospesi circa 400.000 account.

“Continuiamo a sviluppare l'uso della tecnologia come parte di un approccio sistematico alla rimozione di questo tipo di contenuti", ha concluso Pickles.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154