EurActive.it

Home > News > Farmaci contraffatti, persi ogni anno 10 miliardi nell'Ue

di Rainer Woratschka | Der Tagesspiegel, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Farmaci contraffatti, persi ogni anno 10 miliardi nell'Ue

29/09/2016 17:30

I farmaci contraffatti non sono pericolosi solo per la salute ma hanno anche un impatto negativo sul mercato del lavoro. In Italia le mancate vendite del settore farmaceutico causano ogni anno perdite fino a 1,59 miliardi di euro, pari al 5% delle vendite dell'industria italiana dei medicinali

L'industria farmaceutica europea perde complessivamente ogni anno 10,2 miliardi di euro a causa di farmaci contraffatti, secondo le stime d'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), con perdite di fatturato pari a circa il 4,4% del totale. 

Ma la diffusione di droghe illecite ha anche un impatto economico con 37.700 posti di lavoro in meno come diretta conseguenza del racket della contraffazione e ulteriori 53.200 perdite indirette in altri settori. In Italia le mancate vendite del settore farmaceutico causano ogni anno perdite fino a 1,59 miliardi di euro, pari al 5% delle vendite dell'industria italiana dei medicinali, cui si aggiungono 3.945 lavoratori in meno. Le autorità hanno anche stimato 1,7 miliardi l'anno di minori entrate statali. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha, infine, notato come ad essere falsificati non siano solo i generici ma anche i farmaci innovativi, come gli antitumorali. 

In primavera lo stesso ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, ha messo in guardia sull'aumento della contraffazione dei farmaci. Nel 2015, infatti, i funzionari doganali del paese hanno sequestrato quasi 4 milioni di pillole, una cifra di quattro volte superiore al dato dell'anno prima. Tra i medicinali confiscati i più numerosi sono stati quelli destinati a trattare la disfunzione erettile, le pillole dimagranti e gli steroidi anabolizzanti. Molti sono prodotti in Cina, India e Thailandia.

Ma i tedeschi sembrano disposti a correre il rischio rivolgendosi ad internet per acquistare medicinali contraffatti potenzialmente pericolosi. Lo dimostra un'operazione in cui i funzionari doganali hanno istituito un falso distributore di farmaci contraffati online ricevendo ordini da 1.400 persone, a dimostrazione della disponibilità dei consumatori di attingere al mercato nero.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154