EurActive.it

Home > News > Gentiloni, manovrina senza deprimere l'economia

di Alessia Luzi MF-Dow Jones News

Facebook Twitter Linkedin
Gentiloni, manovrina senza deprimere l'economia

15/06/2017 17:20

Con l'approvazione della correzione dei conti pubblici, il Governo mette da parte più di cinque miliardi per la legge di bilancio del prossimo autunno.

Con l'approvazione della manovrina di correzione dei conti pubblici, "abbiamo messo fieno in cascina per piú di 5 miliardi per la legge di bilancio del prossimo autunno". Ad assicurarlo è stato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nel corso di un convegno a Palazzo Giustiniani. "Abbiamo fatto un' operazione di riduzione e tagli dei nostri bilanci senza produrre effetti depressivi", ha aggiunto il premier convinto che in questo modo "l'Italia fa la sua parte e si può giocare la partita del riequilibrio".

Quanto al quadro macroeconomico, "siamo prudenti nelle parole ma possiamo dire che l'economia è in un contesto di ripresa positiva. Dobbiamo dirci con assoluta serenitá che oggi i tassi di crescita dell'Italia sono diversi da quelli previsti", ha osservato il capo del Governo, precisando che "l'approvazione della manovrina dei conti pubblici avvenuta oggi al Senato è un segnale positivo sia perchè rispettiamo gli impegni pubblici, sia perchè siamo riusciti a fare la correzione del bilancio senza che avesse effetti repressivi".

Il via libera alla manovra di correzione dei conti pubblici da 3,4 miliardi pari allo 0,2% del Pil, è arrivato questa mattina nell'Aula di palazzo Madama. L'esecutivo ha infatti incassato la fiducia posta sul provvedimento con 144 sì, 104 no e un astenuto, convertendo definitivamente il testo in legge. Tra le principali misure all'interno del provvedimento figurano l'allargamento dello split payment, i tagli ai ministeri, l'anticipo della sterilizzazione delle clausole Iva e la web tax transitoria. Nel testo è prevista anche una misura sul lavoro occasionale destinato a sostituire i voucher giá aboliti dall'esecutivo e il decreto relativo al prestito ponte da 600 mln per Alitalia, valido per la durata di 6 mesi.

Giá questa mattina, subito dopo il disco verde dell'Aula del Senato alla manovrina, Gentiloni aveva espresso piena soddisfazione. "Gli impegni di bilancio sono stati mantenuti senza nuove tasse", ha scritto il premier su Twitter sottolineando che la "prioritá" andrá "ai fondi per la ricostruzione post terremoto".





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154