EurActive.it

Home > News > Guida autonoma, tecnologia al via a Parigi

di EurActiv.com, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Guida autonoma, tecnologia al via a Parigi

24/01/2017 17:20

La capitale francese ha appena messo su strada il primo shuttle elettrico a guida autonoma con l’obiettivo di ridurre la congestione stradale e l’inquinamento della città

La capitale francese deve affrontare seri problemi di inquinamento ed ha già messo in atto diversi tentativi per ridurre i livelli di smog, incluso il blocco del traffico degli Champs-Élysées una volta al mese. Ma la città ha alzato la posta lanciando un veicolo elettrico a guida autonoma dotato di sensori e telecamere che permetteranno al bus EZ10 di capire quando partire o fermarsi ma anche la velocità e la direzione da seguire.

Il percorso di prova di 130 metri collega le stazioni ferroviarie di Gare de Lyon e di Austerlitz, due dei principali nodi di trasporto su entrambi i lati della Senna. Altri percorsi saranno inoltre introdotti quest'anno, hanno svelato le autorità della città. Ma non è solo Parigi a muoversi Oltralpe visto che anche Lione ha portato avanti dei test simili.

Più in generale i veicoli a guida autonoma sono sempre più presenti nei piani europei, con i legislatori che chiedono maggiori fondi per mettersi al passo con i progressi di Stati Uniti e Cina. Ma la tecnologia deve anche affrontare degli ostacoli visto che alcuni critici mettono in dubbio che il Vecchio Continente riuscirà a mettere su strada i veicoli prima degli Usa. Infatti 21 su 28 Stati membri hanno siglato la Convenzione di Vienna sul traffico stradale, un trattato dell'Onu che richiede ai conducenti di essere in grado di riprendere il controllo dell'auto in qualsiasi momento. La convenzione, quindi, permette di testare la tecnologia ma non di metterla su strada senza un autista.

In realtà anche la Francia è un membro della Convenzione ma è riuscita ad avanzare seguendo l'esempio di un altro firmatario, la Finlandia. Ad Helsinki, nel quartiere di Hernessari, un veicolo senza conducente del produttore francese Easymile è stato messo in funzione ad una velocità di 40 chilometri orari durante un periodo di prova. Eetu Pilli-Sihvola, consigliere speciale dell'agenzia finlandese per la sicurezza dei trasporti, ha spiegato che ciò è stato possibile grazie ad una particolare interpretazione dei regolatori svedesi del requisito del guidatore.

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154