EurActive.it

Home > News > Il valore aggiunto dei regimi di qualità UE

di EURACTIV.com | Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Il valore aggiunto dei regimi di qualità UE

24/08/2017 16:05

| Clicca qui per scaricare questo Special Report

Negli ultimi anni, vista la continua evoluzione dei mercati e la volatilità dei prezzi, gli agricoltori europei sono stati sottoposti ad un'enorme pressione finanziaria. Nonostante questo però, in Europa e nel mondo i consumatori sembrano essere sempre più orientati verso l'acquisto di prodotti d'alta qualità Ue. 

In un mercato oramai globalizzato, i produttori agroalimentari europei hanno l'opportunità di distinguersi concentrandosi sulla realizzazione di prodotti raffinati. I regimi di qualità Ue da un lato garantiscono ai consumatori di poter acquistare prodotti autentici, dall'altro consentono agli agricoltori di imporre prezzi più elevati e di protegge le loro specialità dalla concorrenza sleale.

A fronte della chiusura del mercato russo, altri centri di snodo commerciale si sono invece aperti, basti pensare alla domanda crescente di prodotti di qualità Ue da parte del mercato asiatico (ed in particolare della sua classe media).

Tuttavia, i benefici dei sistemi di autenticazione europei rappresentano un forte richiamo per i truffatori, i quali attraverso prodotti contraffatti generano danni di miliardi di euro sia ai consumatori sia ai produttori.

Questo Special Report è disponibile anche in inglese, spagnolo, greco.

Disclaimer: Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

 

- Chi guida la qualità nel settore agroalimentare Ue? 

Gli Stati membri del Sud Europa sono i principali produttori di alimenti certificati dai sistemi di qualità europei: tra questi l'Italia, la Francia, la Spagna, il Portogallo e la Grecia rappresentano il 70% del totale. (Leggi di più...)

- Sistemi di qualità aiutano i produttori Ue ad aprire nuovi mercati

La promozione delle indicazioni geografiche alimentari (GI) ha aiutato i prodotti dell'Ue ad attrarre nuovi mercati emergenti in cerca di cibo di qualità. Tuttavia, l’Europol ha avvisato che le falsificazioni di prodotti GI sono in aumento in tutta l’Unione, e che i legislatori non dovrebbero ignorare la tutela della proprietà intellettuale. (Leggi di più...)

- Portogallo: produttori di ‘vinho verde’ chiedono protezione Ue

I ‘vinhos verdes’ del nord-ovest del Portogallo non hanno concorrenti internazionali diretti, ma nonostante questo i produttori vorrebbero che l'Unione europea proteggesse le loro delimitazioni regionali negli accordi commerciali con i mercati esteri. A riferirlo è Lusa, partner di EURACTIV. (Leggi di più...)

- Il cibo di qualità assicura alla Spagna un posto nel mercato globalizzato

La Spagna è una centrale agricola: l'agroalimentare rappresenta il 20% delle esportazioni del Paese. Per EFEAgro, partner di EURACTIV, se c'è una cosa che consente agli agricoltori spagnoli di rimanere competitivi sul mercato nell'era della globalizzazione, questa è la qualità dei loro prodotti. (Leggi di più...)

- Patto Cina-Ue, difesi 100 prodotti per parte. Negoziati su altre 162 produzioni

Bruxelles e Pechino hanno raggiunto un accordo per la protezione di 100 indicazioni geografiche a testa nei loro rispettivi mercati. I criteri di selezione delle IG sono stati due: il potenziale volume di mercato ed il rischio di contraffazione. (Leggi di più...)

- I greci temono di perdere il loro "oro bianco" con il CETA

Gli agricoltori ellenici sarebbero preoccupati per il destino della feta nei prossimi accordi commerciali Ue con Paesi terzi. L'Unione, infatti, non è riuscita a tutelare appieno il formaggio greco nell’accordo di libero scambio con il Canada. (Leggi di più...)





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154