EurActive.it

Home > News > Italia: Fiano nuovo relatore legge elettorale

di Alessia Luzi | MF-Dow Jones

Facebook Twitter Linkedin
Italia: Fiano nuovo relatore legge elettorale

17/05/2017 18:26

Dopo la bocciatura dell'Italicum sarà il Capogruppo Pd in Commissione a tentare un nuovo accordo fra i partiti. Mazziotti lascia

La decisione di nominare un nuovo relatore è stata dettata dalla volontá di Mazziotti di lasciare il suo ruolo all'indomani della bocciatura dell'Italicum bis avvenuta in commissione Affari costituzionali di Montecitorio. Il testo recepiva la proposta di M5S, Forza Italia, Articolo 1-Mdp e andava ad estendere al Senato quel che resta dell'Italicum dopo la sentenza della Corte costituzionale. Un testo che non è mai piaciuto al Pd, da sempre propenso verso un sistema maggioritario. "Ringrazio tutti i gruppi che mi hanno chiesto di rimanere come relatore, ritengo però che il Partito Democratico si sia assunto la responsabilitá di portare avanti la propria proposta con altri gruppi. E quindi nomino come relatore Emanuele Fiano, capogruppo del Pd in Commissione", ha detto il presidente della commissione Affari Costituzionali, Andrea Mazziotti, durante l'Ufficio di Presidenza.

Il Pd, quindi, ha ottenuto come relatore Emanuele Fiano, che stasera stessa, al termine dei lavori dell'aula della Camera, presenterá in commissione Affari Costituzionali il nuovo testo base di riforma. Con molta probabilitá il nuovo testo ricalcherá la proposta del Pd che, secondo le ultime indiscrezioni di stampa, potrebbe essere molto diversa dal sistema tedesco e presentare una netta separazione tra il modello maggioritario e quello proporzionale e prenderá il nome di Rosatellum, dal nome del capogruppo Ettore Rosato.

Nonostante ciò, è certo ormai che l'approdo in Aula della legge elettorale slitterá. Il termine inizialmente previsto per il 29 maggio difficilmente sará rispettato anche perchè seppure il testo venisse depositato questa sera in commissione, prima che venga messo in votazione, così come ha spiegato lo stesso Fiano, "ci vorrá qualche giorno". "Noi siamo sempre stati sensibili ai messaggi del presidente Mattarella e dunque ci sará confronto ma l'intento resta quello di avere una approvazione che sia rapida. Sui tempi si deciderá domani in ufficio di presidenza", assicura Fiano.

Di fronte a questi continui rinvii non si placa il nervosismo del M5S. "Si sta creando un gruppo di transfughi e voltagabbana al Senato. Sono quei 12 o 13 senatori di cui ha bisogno Renzi per approvare la legge elettorale", ha detto il deputato M5S, Danilo Toninelli, al termine dell'ufficio di presidenza della commissione Affari Costituzionali della Camera, sottolineando che "la storia di Berlusconi è stata annichilita. Abbiamo giá fatto il calcolo: col nuovo gruppo e con Alfano sono 188, vanno lisci e puliti". Il Movimento guidato da Beppe Grillo insieme a Forza Italia hanno chiesto ad Andrea Mazziotti di assumere il ruolo di correlatore della legge elettorale, considerando la sua figura come garanzia di terzietá. Richiesta subito respinta dal diretto interessato.

I partiti, quindi, anche alla luce del monito di Sergio Mattarella sulla necessitá di creare rapidamente un sistema elettorale "omogeneo" tra Camera e Senato, si sono rimessi in moto per giungere ad una nuova legge elettorale. Solo stasera si capirá se il Pd sará stato in grado di far passare il suo schema.

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154