EurActive.it

Home > Infografici > Oltre la PAC: complementarità nei finanziamenti UE per lo sviluppo rurale

di Aymone Lamborelle, Samuel White - EURACTIV.com | Francesco Chierchia - Mf-DowJones News

Facebook Twitter Linkedin
Oltre la PAC: complementarità nei finanziamenti UE per lo sviluppo rurale

16/11/2017 12:42

| Scarica il documento in PDF

Molte delle aree in questione soffrono di elevati livelli di disoccupazione e non dispongono di infrastrutture fondamentali, come ad esempio internet ad alta velocità o reti di trasporto: i residenti delle zone rurali dell'UE hanno il doppio delle probabilità rispetto agli abitanti delle città di sperimentare condizioni di povertà ed esclusione sociale.

La speranza di una migliore qualità della vita e di maggiori opportunità economico-lavorative altrove sta causando un vero e proprio esodo dalle zone rurali, mettendo a dura prova le città europee, e lasciando un vasto potenziale inutilizzato in campagna.

La politica di sviluppo rurale dell'UE mira a contrastare questa tendenza, utilizzando l'agricoltura come catalizzatore di un cambiamento positivo in tutti i settori. Finanziato dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR, 99 miliardi di euro), questo settore costituisce il secondo pilastro della politica agricola comune (PAC).

Mentre il primo pilastro della PAC fornisce garantisce pagamenti annuali diretti per gli agricoltori, il secondo pilastro è incentrato su progetti pluriennali volti a rafforzare la sostenibilità, gli investimenti e l'innovazione.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154