EurActive.it

Home > News > Padoan: per banche venete esclusa ipotesi di bail-in

di Mf-DowJones News

Facebook Twitter Linkedin
Padoan: per banche venete esclusa ipotesi di bail-in

25/05/2017 16:00

Il Ministero dell'Economia sta lavorando per trovare una soluzione che tuteli i risparmiatori e garantisca la normale attività di Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca. Fuori discussione il bail-in. Il tutto in un continuo dialogo con le Autorità europee

"L'ipotesi bail-in è esclusa" per Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca, "stiamo continuando a lavorare per una soluzione che metta in sicurezza le banche, salvaguardi il risparmio e, allo stesso tempo, garantisca la liquiditá".

É quanto ha precisato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, che in mattinata ha incontrato in Via XX settembre i vertici delle popolari venete.

Ieri c'è stata una riunione tra il management delle due banche e le istituzioni europee che Padoan ha definito "normale, di una routine che va avanti".

Tutta la situazione infatti, ha aggiunto il ministro, "richiede un monitoraggio continuo e noi contiamo di arrivare a una soluzione consolidata in tempi brevi".

Padoan ha quindi cercato di far rientrare l'allarme scattato dopo le nuove richieste arrivate dalla Dg Comp sulla necessitá delle due banche di recuperare 1 mld da investitori privati. Una richiesta così significativa che, secondo molti, non lascerebbe alternativa al bail-in.

In una nota diffusa al termine dell'incontro con i vertici di Bpvi e Veneto Banca, il Ministero dell'Economia ha sottolineato che il dialogo con le autoritá europee prosegue, con il comune obiettivo di concordare la soluzione che garantisca la stabilitá delle Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e salvaguardi integralmente i risparmiatori, nel pieno rispetto delle regole europee.

Sotto il profilo della liquiditá, ha precisato il Mef, le due banche dispongono di tutte le garanzie pubbliche necessarie. Il Governo, prosegue la nota, è impegnato perchè la soluzione sia definita in tempi rapidi.

Con riferimento alla riunione che si è svolta ieri a Bruxelles tra le autoritá italiane e le autoritá europee con la partecipazione di rappresentanti delle due banche, anche nella nota il Mef ha precisato che si è trattato di uno dei numerosi passaggi previsti dalla consueta interlocuzione tecnica contemplata per questi casi.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2020 Partita IVA 08931350154