EurActive.it

Home > News > Revisione del bilancio Ue: in arrivo 13 miliardi

di Georgi Gotev | EurActiv.com, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Revisione del bilancio Ue: in arrivo 13 miliardi

14/09/2016 17:53

La Commissione Ue intende rivedere e potenziare con ulteriori 12,7 miliardi il budget Ue 2014-2020. Le proposte legislative dovranno ora essere approvate da Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Ue

Come previsto, la Commissione europea ha aspettato il referendum sulla Brexit per annunciare la sua intenzione di rivedere il budget  dell'Ue per il periodo 2014-2020, noto anche come Multiannual Financial Framework (MFF). Il piano della Commissione, confermato oggi (14 settembre), prevede quasi 13 miliardi di euro ulteriori.

No a contributi aggiuntivi dagli Stati membri

Agli stati membri non sarà chiesto di sborsare di più rispetto a quanto già accordato. In circostanze normali la revisione di metà mandato sarebbe potuta essere l’occasione per la Commissione europea di proporre cambiamenti importanti ad un budget approvato dal precedente esecutivo, guidato da José Manuel Barroso.

Ma i cambiamenti appaiono minimi. Su 960 miliardi per sette anni, i 12,7 miliardi saranno distribuiti in questo modo:

      -2,4 miliardi serviranno per dare slancio alla crescita e all’occupazione attraverso l’estensione di programmi come il     fondo europeo per gli investimenti strategici (Efsi)

      -2,5 miliardi saranno dedicati alla tematica migratoria attraverso la creazione di una guardia costiera europea, di un agenzia Ue per l’Asilo e per la riforma del sistema europeo comune di asilo

      -1,4 miliardi per il fondo europeo per lo sviluppo sostenibile in regioni fuori dall’Europa, nel quadro dell’External Investment Plan per supportare investimenti e cercare partner privati per affrontare alla base le cause della crisi migratoria

      -1,8 miliardi per l’aumento del budget 2017 e 4,6 miliardi in maggiori risorse da destinare alle politiche di coesione

Insieme alla revisione intermedia l'esecutivo propone di semplificare le regole in base alle quali gli Stati membri e altri beneficiari ricevono i fondi europei. Si punta, allo stesso tempo, a migliorare la capacità del bilancio Ue di reagire rapidamente e in modo adeguato agli eventi imprevisti.

Per il vicepresidente della Commissione europea per le risorse umane e il bilancio, Kristalina Georgieva, si tratta solo dell'inizio di un focus sempre maggiore sui risultati dell'azione delle Istituzioni.

Le proposte legislative presentate ora dovranno essere approvate dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell'Ue. L'obiettivo è raggiungere un accordo possibilmente entro la fine dell'anno.

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154