EurActive.it

di Albert Funk, Robert Birnbaum | Der Tagesspiegel, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Schaeuble: il surplus della Germania è colpa della Bce

06/02/2017 15:35

Per il ministro delle Finanze tedesco la posizione competitiva della Germania è favorita da un tasso di cambio troppo basso a causa della politica monetaria eccessivamente espansiva

Lei è uno dei politici con maggiore esperienza. Ha mai incontrato qualcuno come Donald Trump finora?

Ci sono sempre sorprese dietro l’angolo.

È in ansia per questa nuova "sorpresa" alla Casa Bianca?

Cerco sempre di essere prudente davanti a tante preoccupazioni. Anni fa, quando era all’ordine del giorno la questione della riduzione del debito per i creditori privati e la Grecia era sul tavolo dei negoziati, l'allora presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, mi ha detto: Wolfgang, questo è il periodo peggiore dalla Grande Depressione del '29! Gli ho risposto: ma Jean-Claude, la seconda guerra mondiale non è stata esattamente innocua!

Come spiega il successo di Trump?

Donald Trump ha certamente capito l'utilità delle nuove tecniche di comunicazione prima di altri e le ha utilizzate in modo efficace. Ma molti, e gli americani lo sanno meglio di me, hanno chiesto: siete davvero sorpresi? Le persone non hanno notato come il paese sia affondato così profondamente? Il Tea Party è stato uno dei primi segnali. E quando un sistema elettorale non permette che a vincere sia il centro, la stabilità è  persa. Il centro può essere noioso. Ma il grande vantaggio è che agisce come un baluardo contro le estreme fluttuazioni sociali.

Come si tratta con un presidente americano che mette in dubbio il funzionamento della comunità occidentale?

Con calma e fermezza, come il cancelliere (Angela Merkel) sta facendo in questo momento. Non possiamo andare in shock. Per inciso, non abbiamo alcun interesse a dare lezioni agli americani giorno dopo giorno. Non ci resta che dire che abbiamo le nostre convinzioni e notare che la nuova amministrazione americana ne ha di differenti ed è qualcosa di cui siamo disposti a discutere.

Trump sembra comportarsi come se stesse gestendo un business: bluffando, mettendo in atto un approccio proattivo per poi ritirare tutto ciò che viene proposto.

Non possiamo lasciarci provocare né provocare noi stessi. Il candidato per la carica di segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, non si è espresso granché. Parlerò con lui nello stesso modo in cui ho parlato con i suoi predecessori cercando di avvicinarlo al nostro modo di lavorare. Avere degli Stati Uniti forti è importante per noi e per il mondo. L'Europa è cresciuta e sappiamo quali responsabilità abbiamo.

Così Trump vuole dividere l'Europa ...

Non conosco Donald Trump personalmente, ma se mi si chiede questo, non penso sia questo il suo obiettivo. Sta solo testando le acque.

Non è una possibilità alla luce di tutto quello che ha detto in campagna elettorale?

Cosa ci guadagnerebbe dal dividere l’Europa? Gli americani hanno una visione chiara dell’economia, della democrazia e altre simili tematiche. In questo senso sono più vicini all’Europa di chiunque altro al mondo.

Cosa intende il responsabile commerciale di Trump, Peter Navarro, quando accusa la Germania, un’economia esportatrice, di manipolazione valutaria a detrimento sia degli Usa sia di altri paesi europei?

Non penso dovremmo abituarci a questo. Washington si renderà conto che la politica monetaria europea non è dettata da Berlino ma dalla Bce. E anche che il ministero che guido non è uno dei suoi maggiori fan. Ma la nostra politica monetaria è anche indipendente e spero che a termine del mandato di Janet Yellen a capo della Federal Reserve, le cose continueranno a progredire come è stato finora.

La stessa accusa ci è stata mossa da parte di altri paesi con saldi commerciali negativi!

La Bce deve elaborare una politica che funzioni per tutta Europa. Per la Germania, è troppo espansiva. Il tasso di cambio dell'euro è troppo svalutato per la competitività dell'economia tedesca. Quando il capo della Bce, Mario Draghi, ha iniziato questa politica monetaria espansiva, lo avevo avvertito che questo avrebbe fatto incrementare  le esportazioni della Germania.

Trump punta a grandi programmi di investimento e il debito dovrebbe di conseguenza aumentare.

Se si vuole aumentare la crescita nel breve termine attraverso l’incremento della domanda pubblica, nella situazione attuale sarà difficile mantenere i tassi di interesse bassi, senza rischio di maggiore inflazione. Non è questo di cui si ha bisogno in questo momento per la sostenibilità dell'economia Usa.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154