EurActive.it

Home > News > Selezione vegetale: innovazione o Ogm?

di Sarantis Michalopoulos | EurActiv.com, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Selezione vegetale: innovazione o Ogm?

01/08/2016 17:55

Secondo l’associazione degli agricoltori europei, Copa-Cogeca, l’innovazione nelle tecniche di selezione vegetale, che alcuni ritengono equiparabile a quelle per produrre Ogm, dovrebbe essere ulteriormente incoraggiata

Lo scorso marzo l’Humboldt Forum for Food and Agriculture ha condotto uno studio sul contributo apportato al comparto agricolo europeo, negli ultimi quindici anni, dalle tecniche di selezione vegetale. Secondo i risultati del rapporto, commissionato dall’European Plant Technology Platform, un forum in cui convergono gli attori del settore, come membri dell’industria, del mondo accademico e del comparto agricolo, l’Ue avrebbe avuto bisogno di 19 milioni di ettari aggiuntivi per produrre la stessa quantità di alimenti con il solo ausilio delle colture tradizionali.

Secondo Pekka Pesonen, segretario generale di Copa-Cogeca, la maggiore associazione europea di rappresentanza del comparto agricolo, "l'innovazione nella selezione vegetale è fondamentale, essendo capace di aumentare del 74% la produttività dei raccolti europei". Pesonen ha anche aggiunto come i guadagni di produttività potrebbero essere usati per combattere la fame e la malnutrizione nel mondo.

Lo studio ha anche riscontrato come, senza l’uso di questo tipo di agricoltura innovativa, l’estensione dei territori agricoli per mantenere invariata la produzione avrebbe avuto un impatto ambientale quantificato in 3,5 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2. Inoltre, sempre secondo le stime dello studio, circa 70.000 posti di lavoro sono stati creati in 15 anni mentre almeno il 30% del reddito annuo degli agricoltori è legato a questa tecnologia. Allo stesso tempo, il report ha anche messo in guardia rispetto all’attuale incertezza regolatoria e normativa che il settore deve affrontare.

Le nuove tecniche di selezione vegetale

La selezione vegetale risale a secoli fa, quando i primi agricoltori selezionavano le migliori piante da cui trarre i semi per i raccolti successivi. Ma con il rapido sviluppo tecnologico, nuove tecniche sono emerse, assieme a soluzioni controverse volte ad assicurare la sicurezza alimentare.

Le nuove tecniche di selezione vegetale si concentrano sullo sviluppo di nuovi tratti dei semi all'interno di una determinata specie attraverso l'ingegneria genetica. Secondo l’industria agroalimentare queste tecniche non andrebbero considerate al pari di quelle per creare organismi geneticamente modificati visto che non è previsto l'uso di dna di altre piante.

Per i detrattori della tecnica, comunque, si tratta di un ulteriore tentativo di introdurre di soppiatto nel mercato europeo gli Ogm. Secondo la Federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica (IFOAM) la selezione vegetale usa un tipo di tecnologia che interferisce a livello cellulare e genomico e rientra, pertanto, nel quadro della legislazione sugli Ogm.

Commissione Ue ancora indecisa

Copa-Cogeca ha indirizzato, lo scorso 3 marzo, una lettera al Commissario Ue per la salute, Vytenis Andriukaitis, chiedendo di velocizzare le procedure per chiarire lo status legale delle nuove tecniche sulla selezione vegetale disponibili. In effetti la Commissione europea ha più volte posticipato un'opinione giuridica in merito. Un portavoce dell’esecutivo, contattato da EurActiv il 29 luglio, ha confermato che l'istituzione sta considerando la questione, sebbene al momento ancora non sia possibile anticiparne risultati e tempistiche.  

In un'intervista rilasciata ad EurActiv Teresa Babuscio, segretario generale di Coceral, l'associazione europea dei cereali, ha sottolineato come la commissione abbia ricevuto molti input da diversi attori ma che ha bisogno di altro tempo per valutare accuratamente la questione. "Le autorità Usa hanno recentemente confermato come alcuni prodotti ottenuti attraverso le selezione vegetale non sono soggetti alla normativa Ogm. L'Ue non può permettersi di restare indietro", ha messo in guardia il segretario.

 

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154