EurActive.it

Home > News > Siria: Putin sostiene Assad e punta su intesa con Iran e Turchia

di Francesco Chierchia | MF-Dow Jones News

Facebook Twitter Linkedin
Siria: Putin sostiene Assad e punta su intesa con Iran e Turchia

21/11/2017 16:27

A Sochi è andato in scena un lungo incontro tra il presidente russo e il leader siriano.Il Cremlino lavora per una soluzione pacifica del conflitto a Damasco. Proseguono i dialoghi con Teheran e Ankara

L'asse tra il presidente russo, Vladimir Putin, e il leader siriano, Bashar al-Assad, per il futuro di Damasco sembra essere sempre più solido.

Nelle scorse ore infatti Assad è volato in Russia, a Sochi, per incontrare il numero uno del Cremlino. Dopo un colloquio durato circa 3 ore, Putin si è congratulato pubblicamente con il presidente siriano, rendendogli omaggio per gli ottimi traguardi raggiunti "nella lotta ai gruppi terroristici".

"La nazione siriana - ha proseguito - sta vivendo un'esperienza molto difficile e si sta avvicinando all'ultima, inevitabile sconfitta dei terroristi". "Esistono focolai di resistenza dei terroristi, ma stanno scomparendo rapidamente sotto i raid delle nostre forze aeree e degli alleati siriani", ha spiegato Putin, sottolineando che le forze governative siriane controllano adesso oltre il 98% del territorio del Paese.

Putin e Assad hanno discusso molto anche relativamente alle basi su cui avviare il processo politico per la soluzione della guerra in Siria. "Vorrei discutere i principi base dell'organizzazione del processo politico e l'organizzazione del Congresso dei popoli della Siria da lei appoggiato - ha detto il presidente russo rivolgendosi ad Assad - e mi piacerebbe sentire la sua valutazione sulle prospettive di sviluppo della situazione". Per il Cremlino, inoltre, il processo politico "in ultima analisi, dovrebbe svolgersi sotto l'egida delle Nazioni Unite".

Mosca, ha ribadito che "la questione piú importante è quella di una soluzione politica pacifica del conflitto, una soluzione per la Siria che sia quindi di lungo termine". Putin, infine, ha assicurato ad Assad che al di là di Turchia e Iran, la Russia si sta impegnando "attivamente ed è in costante contatto con altri Paesi, come Iraq, Stati Uniti, Egitto, Arabia Saudita e Giordania", al fine di garantire la soluzione migliore.

Sullo stato del conflitto nel Paese è intervenuto anche Valery Gerasimov, capo di Stato maggiore dell'esercito russo, spiegando che la fase dell'operazione militare a Damasco "sta finendo. Nonostante ci sia ancora una serie di problemi irrisolti questa fase sta arrivando alla sua logica conclusione". Gerasimov ha poi auspicato di poter trovare in breve tempo "un approccio comune per continuare a lavorare" sulla questione con Teheran e Ankara.

Intanto, domani sono attesi a Sochi i leader di Turchia e Iran per dar via all'incontro trilaterale in cui ci sarà un focus su Damasco.


TAG




EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154