EurActive.it

Home > News > Tajani dice sì a Berlusconi, sarà candidato premier di Forza Italia

di Francesco Chierchia | MF-Dow Jones News

Facebook Twitter Linkedin
Tajani dice sì a Berlusconi, sarà candidato premier di Forza Italia

02/03/2018 09:50

Il leader FI ha dato l'annuncio ieri sera durante un intervento televisivo. Poco dopo il presidente del Parlamento Ue ha confermato la propria scelta su Twitter, dicendosi pronto "a servire l’Italia"

Sarà Antonio Tajani il candidato di Forza Italia a Palazzo Chigi.

Se alle elezioni di domenica la coalizione di centrodestra dovesse ottenere la maggioranza, ed il partito di Silvio Berlusconi si dovesse piazzare davanti a Lega e Fratelli d'Italia, sarà dunque il presidente del Parlamento europeo ad essere in pole position per il ruolo di premier.

Ad annunciarlo è stato ieri sera lo stesso Berlusconi che, durante durante un’intervista a Matrix su Canale 5, ha rivelato che Tajani "ha finalmente sciolto la riserva e ha dato la disponibilità a guidare il prossimo Governo di centrodestra. Mi ha detto che dopo il mio annuncio anche lui farà una dichiarazione per dire che ha deciso di essere il nostro candidato”.

Poco dopo, infatti, il presidente dell'Europarlamento ha sciolto le riserve attraverso il proprio profilo Twitter.

"Ringrazio il presidente Berlusconi per il suo atto di stima nei miei confronti - ha scritto Tajani - Ho dato a lui, stasera, la mia disponibilità a servire l’Italia. Ora ogni ulteriore decisione spetta ai nostri concittadini ed al Presidente della Repubblica". 

"So che è un peccato portare Antonio Tajani lontano dall'Europa, ma è nel miglior interesse dell'Italia", ha commentato a stretto giro Berlusconi .

Il centrodestra si prepara al voto con l'obiettivo di superare il 40% dei consensi e contare su una maggioranza stabile di Governo.

“Auguro a Salvini, Meloni e Fitto di raggiungere il miglior risultato possibile perchè siamo in una coalizione e così possiamo superare il 40%", ha affermato Berlusconi, rivelando poi che il prossimo esecutivo "dovrà essere di 20 ministri di cui 12 provenienti dalla vita vera, persone che hanno raggiunto dei risultati e sono stimate”.

All'interno della coalizione, però, a puntare Palazzo Chigi è anche la Lega di Matteo Salvini, anche se questo non sembra turbare il presidente azzurro. "Salvini fa bene a puntare a dei traguardi importanti - ha assicurato - io mi sono sempre comportato così, ho sempre fissato dei traguardi difficili da raggiungere".

 





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2018 Partita IVA 08931350154