EurActive.it

Home > News > Ue: dazi sull'importazione di acciaio contro la Cina

di EURACTIV.com e Reuters | Traduzione di Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Ue: dazi sull'importazione di acciaio contro la Cina

12/06/2017 10:41

L'Unione europea ha stabilito imposte fino al 35,9% sulle importazioni di acciaio laminato a caldo da Pechino. Il provvedimento vuole essere una risposta ad alcune irregolarità cinesi scoperte da Bruxelles

La Commissione europea ha condotto un'indagine per conto dei 28 Stati membri ed ha riscontrato che alcune aziende cinesi hanno beneficiato di prestiti preferenziali da parte di banche statali, sovvenzioni irregolari, detrazioni fiscali e del diritto di utilizzare terreni industriali.

"Stiamo continuando ad agire contro le condizioni di transazione non eque nel settore siderurgico e contro il dumping straniero", ha dichiarato attraverso un comunicato il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstrom.

Per Malmstrom è necessario convincere la Cina a porre fine all'uso di schemi sleali al fine di garantire la parità di condizioni per tutti i produttori d'acciaio.

Tuttavia, il Ministero del Commercio cinese ha fortemente messo in discussione la legittimità della decisione ue, aggiungendo che la Commissione europea ignora che in realtà le esportazioni cinesi d'acciaio verso l'Europa nel 2016 sono diminuite. Il Governo cinese prenderà quindi tutte le misure necessarie per proteggere gli interessi delle imprese del Paese.

L'Ue non è nuova all'introduzione di dazi antidumping, a cui aveva già fatto ricorso per contrastare le merci estere a prezzi eccessivamente bassi (imposte comprese in un intervallo 0% e 31,3%).

L'acciaio laminato a caldo viene utilizzato nelle costruzioni navali e per contenitori di gas, recipienti a pressione e tubi per la fornitura di energia.

Tra le aziende destinatarie del provvedimento ci sono: Benxi Group (con dazi complessivi del 28,1%), Hesteel Group (18,1%) e Jiangsu Shagang (35,9%).

L'Unione europea ha reso noto che le imposte, applicabili per cinque anni, avranno effetto da sabato.

Bruxelles finora ha avviato oltre 40 provvedimenti antidumping per aiutare i produttori d'acciaio europei. Tra l'altro, è attualemente in corso un'indagine parallela della Commissione sulle importazioni d'acciaio laminato a caldo da Brasile, Iran, Russia, Serbia e Ucraina.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2017 Partita IVA 08931350154