EurActive.it

Home > News > Ue, regole flessibili per contrastare il populismo

di Jorge Valero | EurActiv.com, traduzione di Barbara Pianese

Facebook Twitter Linkedin
Ue, regole flessibili per contrastare il populismo

27/07/2016 17:47

La Commissione europea ha deciso oggi (27 luglio) che, anche se non hanno rispettato gli obiettivi di deficit pubblico, le sanzioni che dovrebbero essere inflitte a Spagna e Portogallo vanno annullate. In arrivo anche una soluzione per proteggere i piccoli investitori delle banche italiane

Subito dopo la crisi finanziaria, l’Unione europea ha rafforzato il suo impianto normativo con particolare riferimento alle regole su deficit e debito pubblico e per evitare altri costosi salvataggi bancari con l’impiego di soldi pubblici. Ma la stretta applicazione delle norme potrebbe essere messa da parte in tempi di crescente malcontento contro l'amministrazione di Bruxelles. In effetti, la stessa Commissione parteggia per una “intelligente” implementazione delle regole fiscali per Spagna e Italia. Con circa 360 milioni di euro di crediti deteriorati, l’economia italiana, la terza dell’eurozona, si trova in una situazione molto delicata. 

Oggi la Commissione europea ha deciso che, anche se non hanno rispettato le norme sul percorso di aggiustamento del deficit pubblico, le sanzioni che dovrebbero essere inflitte per Spagna e Portogallo vanno annullate. Nei prossimi giorni, invece, la Commissione si prepara, assieme al governo italiano, a stilare un piano di salvataggio bancario con probabili perdite per i cittadini che hanno investito negli istituti finanziari, come prevede la BRRD, la nuova normativa europea sulla risoluzione delle crisi bancarie. L'esecutivo europeo, però, è consapevole del contraccolpo politico che scatenerebbe una rigida implementazione delle regole in un momento in cui l’Ue è alle prese con le conseguenze della Brexit, la costante minaccia del terrorismo, la disordinata risposta alla crisi migratoria e l’avanzata populista.

In questo senso la Commissione sta cercando nel caso italiano una soluzione che protegga i piccolo investitori bancari, costituiti nel paese da molti pensionati. Le nuove regole, infatti, prevedono che, in caso di crisi, siano gli investitori della banca, fino ad un massimo dell’8% delle passività totali, ad affrontare le perdite prima dell’impiego di risorse pubbliche.

Una simile soluzione, però, ha visto già, durante la crisi bancaria spagnola, centinaia di piccoli investitori perdere i loro risparmi, nonostante fossero convinti di aver aperto semplicemente dei conti correnti standard. Situazione simile, quindi, a quella del pensionato italiano che si è tolto la vita lo scorso dicembre dopo aver perso tutti i risparmi a causa del bail-in che ha coinvolto la banca affidataria.

Il caso spagnolo sembra dunque aver dato una lezione alle autorità europee. “Quando il burden sharing (la condivisione dei costi della ricapitalizzazione precauzionale) è implementato, ne va valutato l’impatto su consumatori e piccoli investitori”, si legge in un rapporto della Commissione dello scorso gennaio. In particolare l'esecutivo avrebbe intenzione di usate l’opzione di ricapitalizzazione precauzionale prevista in base alla BRRD. Sotto questa clausola, entrerebbero in campo regole sugli aiuti di Stato più flessibili e un burden sharing attenuato.

Silvia Merler, economista del  think tank Bruegel, vede nella Brexit lo shock esterno che ha messo in luce la reale debolezza del sistema bancario italiano, sebbene per lungo tempo non si sia parlato del problema dei crediti deteriorati. “L’Italia potrebbe guadagnarsi la flessibilità prevista dalla Brrd attraverso un attenuamento di quanto previsto in caso di bail-in”, ha spiegato l’economista. Ma niente di più, altrimenti “la credibilità delle regole ne uscirebbe indebolita”.

Friedrich Heinemann, del Centre for European Economic Research (ZEW), un think tank tedesco, all’opposto, è convinto che aggirare le regole non sia la migliore soluzione per combattere l’avanzata del populismo. “I populisti nel Nord Europa hanno beneficiate molto della percezione che, nel passato, le regole europee non siano stati rispettate”, ha affermato.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2020 Partita IVA 08931350154